CARLO MONOPOLI CONFRONTING REALITY!(1)

By likemindblog

Carlo-Monopoli-artist 1

“I paint because I like it, I like it because it makes me feel good, because it calms my tourment and my pain.  I like to cook!  I think painting “feels” better when it is accompanied by a good meal and even better wine!  When I meet people and they ask me wat I do, I see the dismay painted on their faces when I reply:  “I just paint”  In fact, it’s not an easy form of work but it’s mine!”

Carlo, thank you for participating in this project and answering my questions in this part I of your article.

No. 1) What is art for and to you (Personally and Generally)
Art is always a new dimension of beauty and an exceptional mode of expression for spiritual growth.
Through his works, the artist speaks and communicates with others.
The history of art, therefore, is not only a story of works produced but also men.
Works of art speak of their authors, enable us to know their hearts and reveal the original contribution which artists offer to cultural history.
Beauty is in a sense, the visible expression of the good, as the good is the metaphysical condition of beauty.
This was well understood by the Greeks who, by fusing the two concepts, coined a term which embraces both: “kalokagathia”, that “beauty-goodness.
Plato writes: “The power of the Good has taken refuge in the nature of the Beautiful.”
But, leaving alone the good Plato, I might simply say that Art for me is a gift, received a spark from heaven.
I always thought that people perceive in themselves this kind of spark thatCARLO MONOPOLI A (3) is the artistic vocation (Poet, writer, painter, sculptor, architect, musician, actor …), feel at the same time the obligation not to waste this talent but to develop it, to put it in service to others and of all mankind.
With the young and adults who teach the “art making”, in my classes in drawing and painting, starting from the awareness of the evocative power of words, I tell them that the task of “getting sick of beauty.”
Since we are small compared to the worst ugliness, and ugliness of this moral, ethical, aesthetic, is contagious.
If it is the ugliness, then the beauty is contagious .. and I tell them: “.. the beauty who fell ill and infected the world! ” 

1)  What is art to and for you (Personally and generally)

 L’arte è una dimensione di bellezza sempre nuova ed è  uno straordinario canale d’espressione per la crescita spirituale.  Attraverso le opere realizzate, l’artista parla e comunica con gli altri.  La storia dell’arte, perciò, non è soltanto storia di opere, ma anche di uomini.

Le opere d’arte parlano dei loro autori, introducono alla conoscenza del loro intimo e rivelano l’originale contributo da essi offerto alla storia della cultura.  La bellezza è in un certo senso l’espressione visibile del bene, come il bene è la condizione metafisica della bellezza.

Lo avevano ben capito i Greci che, fondendo insieme i due concetti, coniarono una locuzione che li abbraccia entrambi: « kalokagathía« , ossia « bellezza-bontà ».

Platone scrive al riguardo: “La potenza del Bene si è rifugiata nella natura del Bello”.  Ma, lasciando in pace Platone, potrei dire più semplicemente che L’Arte per me è un dono, una scintilla ricevuta dal Cielo.  ho sempre pensato che chi avverte in sé questa sorta di scintilla che è la vocazione artistica (di poeta, di scrittore, di pittore, di scultore, di architetto, di musicista, di attore…), avverte al tempo stesso l’obbligo di non sprecare questo talento, ma di svilupparlo, per metterlo a servizio del prossimo e di tutta l’umanità.

Con i giovanissimi e con gli adulti a cui insegno il “fare arte”, nei miei corsi CARLO MONOPOLI Fuego de rosasdi disegno e pittura, partendo dalla consapevolezza del potere evocativo delle parole, dico loro che hanno il compito di “ammalarsi di bellezza” .

Sin da piccolissimi siamo posti a confrontarci con le peggiori brutture, e questa bruttezza morale, etica, estetica, è contagiosa.  Se lo è la bruttezza, allora è contagiosa anche la bellezza..e dico loro: “ ammalatevi di bellezza..e contagiate il mondo!

No. 2) What inspires you?
I can not say exactly what might inspires me.
It is a mood, an unexpected blow .. that really is the realization that in those moments can define “maximum attention”.
A kind of state of grace that can be generated by, moved by a beautiful piece of music, or before the wonders of nature or the works of men have given us.
In the simple daily life or in the wonderful light that I see in people I love.
I am fortunate to be born and pride in what has always been recognized as the “beautiful country” .. and it certainly helps me.
But like a painting .. all this light is countered by a “strong shadow.”
The inspiration so … or what I prefer to call a state of grace, I come when I can see the light and shadow in the shadows in the light.
And this is inextricably tied to the state of attention. 

No. 2)  What inspires you?

Non posso dire con esattezza cosa possa ispirarmi.  È uno stato d’animo, un soffio inaspettato..che in realtà trova realizzazione in quei momenti che posso definire di “massima attenzione”.  Una sorta di stato di grazia che può generarsi dal commuoversi ascoltando un suggestivo brano musicale, o dinanzi alle meraviglie che la natura o le opere degli uomini ci hanno consegnato.

Nei semplici gesti quotidiani o nella luce meravigliosa che vedo nelle persone che amo.  Ho la fortuna e l’orgoglio di essere nato in quel che da sempre è riconosciuto come il “bel paese”..e di certo questo mi aiuta.

Ma come in un dipinto..tutta questa luce trova contrapposta una “ forte ombra”.  L’ispirazione dunque … o quello che preferisco chiamare stato di grazia,  mi giunge quando riesco a vedere la luce nell’ombra e l’ombra nella luce.

No. 3) When you are creating, painting, Where does it take you?Carlo Monopoli AF - Guidizzolo 2008 Where does your mind travel?
I think I partially answered this question with the answer above.
However, I might add that in most of my creations, there are strong correlations with my reading, with my studies in architecture and there’s all that matters: from philosophy to literature .. from anthropology to spirituality.
Sometimes I digress with my thoughts and seeking answers that I think only time will better define: I try to express this cloud. to get it back to the concept of being “artist.”  Go! philosophizes a bit! (I like).
Like little gods, it has a tendency to think of recreating the world and becomes a constant rethinking about history, about life, everything that happens here or what people believe everything that has happened.
This is because we believe in memory .. everything that has already passed.
But who will guarantee that everything we imagine is the past, it has really been? Such a hypothesis would be to think that to save memory. But it is a human invention.
If you extend this concept to my art .. or at the cinema and photography, I can think of to fix a moment, a feeling, a moment. But that moment has already passed.  I am a doubt we are sure that this moment existed outside of the canvas, film or are themselves (the canvas the film, say) the guarantee of the existence of that time?
I know less and less .. walk on this earth in the meantime, eating with taste life. 

No. 3)  When you are creating, painting, where does it take you?  Where does your mind travel?

Penso di aver parzialmente risposto a questa domanda, con la risposta precedente.  Tuttavia potrei aggiungere che nella maggior parte delle mie creazioni vi sono forti correlazioni con le mie letture, con i miei studi di architettura ed ivi di tutto ciò che ne concerne: dalla filosofia, alla letteratura.. dall’antropologia alla spiritualità.

A volte divago con i miei pensieri e cerco risposte che credo solo il tempo potrà meglio definire: cerco di esprimere questa nube.  per farlo  ritorno al concetto dell’essere “artista”.  Via..filosofeggio un po! (questo mi piace).  Come piccoli Dei, si ha una certa tendenza a pensare di ricreare il mondo e si fa un continuo ripensare sulla storia, sulla vita, su tutto quello che accade quaggiù o su tutto quello che la gente creda che sia successo.

CARLO MONOPOLI AF - JESOLO (2)Questo perché crediamo nella memoria.. di tutto ciò che è già passato. Ma chi ci garantisce che tutto ciò che immaginiamo sia passato, lo sia  stato realmente? Siffatta questa ipotesi porterebbe  a pensare che sia la memoria a salvarci. Ma essa è un invenzione umana .  Se estendo questo concetto alla mia arte o al cinema..alla fotografia, posso pensare di fissare un attimo, una sensazione, un momento. Ma quel momento è già passato.

Mi viene un dubbio: abbiamo la certezza che quel momento sia esistito al di fuori della tela, della pellicola o sono esse stesse ( la tela le pellicole, dico) la garanzia dell’esistenza di quel momento?  Ne so sempre meno..nel frattempo passeggio su questa terra..mangiando con gusto, la vita.

E questo è indissolubilmente legato allo stato di attenzione.  Fortunatamente riesco ad essere anche molto “distratto”.. e ritorno semplice uomo tra gli uomini. 

No. 4) Do you feel painting, music and health are related and if so, how?
Not all are called to be artists in the specific sense of the term, however, to every man is given the task of crafting their own life: in a sense, he must make a work of art, a masterpiece.
How could it happen if there was a natural correlation between all forms of human nature … Society needs artists, just as it needs scientists, technicians, workers, professionals, teachers, fathers and mothers, who ensure personal growth and development thereof.
Potentially, I think that if everyone did what he does with loving care and dedication is really an artist!
There are also “arts and artists” who are holding hands. Painting and music, for example: they are governed by the same heartbeat, the same instincts live and are governed by metrics and balances that are equal to the universal rules.
In fact, a painting can unleash powerful emotions only if you can hear it.
Of his part for a song, a sonata, a haunting music evokes emotions and triggers when you can see it.    Both feed on the same sea of HARMONY .. and in both cases there is a dynamic way that binds them: the move.
A conductor paints his music with large movements ..
A painter does play the notes of his colors with his touch on the canvas ..
There is a play on words to define what I mean:   motion / emotion
Inevitably .. as something that we can not govern ourselves, to our very human nature, this emotional synchrony, it carries within us, and relates to “harmony” with our body, mind, heart, with the blood and you know … .. the blood runs. 

No. 4)  Do you feel painting, music aCARLO MONOPOLI Alètheiand health are related and if so, how?

Non tutti sono chiamati ad essere artisti nel senso specifico del termine, tuttavia, ad ogni uomo è affidato il compito di essere artefice della propria vita: in un certo senso, egli deve farne un’opera d’arte, un capolavoro.

Come potrebbe accadere se non vi fosse una naturale correlazione tra tutte le forme della natura umana … La società ha bisogno degli  artisti, come ha bisogno di scienziati, di tecnici, di lavoratori, di professionisti, di maestri, di padri e di madri, che garantiscano la crescita della persona e lo sviluppo della stessa.

Potenzialmente ritengo che se ognuno di noi facesse quello che fa con amorevole cura e dedizione è in realtà un artista!  Ci sono poi “arti ed artisti ” che si tengono per mano. La pittura e la musica per esempio: essi sono regolati dallo stesso battito cardiaco, vivono delle stesse pulsioni e sono regolati da metriche e bilanciamenti che sono uguali alle regole universali.

Difatti un dipinto riesce a scatenare emozioni poderose solo se si riesce a sentirlo.  Di par suo un brano, una sonata, una musica scatena ed evoca struggenti emozioni quando ti permette di vederla.  Entrambi si nutrono dello stesso mare di ARMONIA..ed in entrambi i casi sussiste un senso dinamico che li lega: il movimento.  Un direttore d’orchestra dipinge la sua musica con ampi movimenti..  Un pittore fa suonare le note dei suoi colori con i suoi tocchi sulla tela.. 

C’è un gioco di parole adatto a definire quello che dico:   motion/ emotion

Inevitabilmente..come un qualcosa che non possiamo governare noi, per la nostra stessa  natura umana, questa sincronia emozionale, si porta dentro di noi, e si relaziona “armonicamente”, con il nostro corpo, con la mente, con il cuore , con il sangue e si sa ….. il sangue gira.

No. 5) How do you feel When you paint?
Well! that’s why I paint always .. Always!

No. 5)  How do you feel when you paint?

Bene.. ed’è per questo che dipingo sempre.. Da sempre!

Thank you so much Carlo, for this most interesting article.  We shall continue next week!

TO THE READER :

You are cordially invited to visit Carlo’s links below.  Your comments are sincerely appreciated.  Please be sure to tune in next week for part 2 of this most interesting interview.

http://www.carlomonopoli.com/

http://it.linkedin.com/pub/carlo-monopoli/1A/812/873

http://www.behance.net/carlomonopoli

http://twitter.com/carlomonopoli

 Mail this post
Be Sociable, Share!
Filed in: ART • Friday, February 18th, 2011

Comments

Love your enthusiasm for your art and life. Enjoyed your article and paintings. Thanks

Howdy! I’m at work browsing your blog from my new iphone 4!
Just wanted to say I love reading your blog and look forward to all your posts!
Keep up the excellent work!

 

Leave a Comment

CommentLuv badge


About

My name is Michele Andree. I am an artist, I paint musicians in action. I think I’m a musician at heart, my instrument being… a brush, so I play…brush and I paint… music.
I love jazz. I call it freedom music. It promotes special values. I love intelligent people and good conversations.

Some people ask me how music relates to art. Personally I find they go hand in hand. Music is what turns me on to painting. It makes me see colours